Il segmento anteriore: la parte più esterna dell’occhio

Aggiornamento: 26 mar 2020


Per capire meglio l’anatomia dell’occhio è possibile dividerlo concettualmente in due parti: il segmento posteriore e il segmento anteriore.

Mentre il segmento posteriore dell’occhio è la parte adibita alla cattura e alla trasformazione della luce in impulsi nervosi, grazie al lavoro della retina e del nervo ottico, il segmento anteriore è la parte che si dedica alla regolazione e messa a fuoco della luce diretta verso l’interno, esattamente come l’obiettivo di una macchina fotografica. Il segmento anteriore, infatti è la porzione dell’occhio più esterna, ed è la prima che la luce incontra. Questa zona è a sua volta divisa in tre sottosezioni, la superficie oculare, la camera anteriore e la camera posteriore, che raccolgono diversi elementi dell’occhio, ognuno con la sua funzione.


La superficie oculare


La superficie oculare è la prima linea difensiva dell’occhio e l’unica parte visibile senza l’uso di particolari strumenti. È composta dalla sclera, dalla congiuntiva e dalla cornea. La cornea è una membrana trasparente che non solo svolge un ruolo di “scudo”, proteggendo l’occhio da agenti esterni e dagli ultravioletti dannosi, ma ha anche il ruolo di fare da primo elemento di passaggio per la luce, che viene riordinata e indirizzata verso la retina.



La camera anteriore


La camera anteriore comprende tutta la parte più esterna dell’occhio appena al di sotto della superficie. Comprende infatti lo spazio tra la parte posteriore della cornea fino a comprendere l’iride, il “diaframma” del nostro occhio. Questa parte è riempita di un liquido, chiamato umore acqueo, che tiene stabile la cornea e che ci permette di vedere anche sott’acqua. L’umore acqueo deve mantenersi trasparente e in pressione costante, e questo è reso possibile grazie ad un filtro speciale chiamato trabecolato.


La camera posteriore


Questa zona cela uno dei miracoli della natura: il cristallino. Si tratta di una lente capace di allungarsi grazie al lavoro dei muscoli ciliari e di permettere all’occhio di accomodare, ossia di mettere a fuoco a distanza vicina, intermedia e lontana. Il cristallino è circondato da una membrana trasparente, detta capsula, che ne protegge l’integrità e facilita l’accomodazione. Il segmento anteriore è una parte importantissima dell’occhio. Senza di esso non riusciremmo a vedere nulla di più di misto sfocato di colori indistinguibili. Non ci sarebbe possibile leggere, riconoscere i volti, raccogliere memorie ed esperienze di vita.

VUOI RICEVERE LE ULTIME NOVITÀ?

Inviamo solo contenuto utile e di informazione sulle novità nel campo dell'oftalmologia.

Inviata!